Avere un bel seno è un desiderio comune alla gran parte del genere femminile. Un seno sodo, prosperoso e tonico è, da sempre, simbolo di femminilità e di seduzione. C’è chi nasce con tale privilegio e chi, invece, purtroppo, deve fare i conti con difetti più o meno visibili come seni asimmetrici e cadenti.

Avere un bel seno non è solo un fatto estetico

Con il passare degli anni, e l’avvento di una o più gravidanze, anche i seni più belli possono andare incontro a problemi più o meno grandi come la perdita di tono e lo svuotamento. Non sentirsi a proprio agio con il proprio seno può generare problemi di autostima e difficoltà di relazione; se madre natura non è stata troppo generosa o, con il tempo, le cose sono cambiate è possibile ricorrere alla chirurgia per migliorare il proprio aspetto fisico.
Scopriamo, allora, di cosa si tratta entrando maggiormente nel dettaglio.

Cos’è la mastoplastica additiva

La mastoplastica additiva è un intervento chirurgico che, mediante l’inserimento di apposite protesi al di sotto del muscolo pettorale o della ghiandola mammaria, consente di correggere difetti estetici di seni di dimensioni modeste correggendone la forma e aumentandone il volume. L’intervento vero e proprio è preceduto da una fase di valutazione delle caratteristiche fisiche dal paziente; il chirurgo, infatti, per meglio scegliere la strategia di intervento, effettua una serie di misurazioni a livello toracico senza dimenticare di verificare la tonicità della pelle e le caratteristiche morfologiche del seno con particolare attenzione alla ghiandola mammaria.

L’intervento chirurgico

L’operazione di mastoplastica additiva può essere eseguita in anestesia generale oppure locale. Una volta conclusa la sedazione, il chirurgo provvede ad incidere la paziente nella zona ottimale per l’inserimento della protesi. L’incisione potrà avvenire nel cavo dell’ascella, nella zona inferiore dell’areola oppure nel solco sotto al seno.
L’inserimento della protesi avviene in un’apposita tasca che il chirurgo ha creato sotto al muscolo pettorale oppure sotto la ghiandola mammaria.
La durata dell’intervento chirurgico, solitamente, non supera le due ore; nel caso di operazione eseguita in anestesia locale, la paziente potrà essere dimessa in giornata mentre in caso di anestesia totale sarà necessario una notte di degenza ospedaliera.
La paziente potrà riprendere la sua vita normale in breve tempo. Il risultato finale rispecchia in pieno le aspettative pre operatorie e regala un beneficio estetico duraturo nel tempo.

Naturalmente, occorre selezionare con attenzione il centro medico dove realizzare l’intervento, accertandosi che l’equipe medica sia di primario livello, anche per quanto riguarda l’esperienza. I centri medici Micenter sono a tua disposizione per maggiori informazioni e per consulenze personalizzate.

NEWSLETTER MICENTER